Stelle di natale: come farle durare a lungo

Stelle di natale: come farle durare a lungo

La stella di natale è la pianta che rappresenta maggiormente le festività natalizie: ricrea un’atmosfera magica in casa grazie ai suoi stupendi colori: dal rosso vivo, la bianco, al rosa; è la pianta più regalata e, in genere, quella che si riceve più volentieri: fra pranzi, cenoni e regali vari una stella non si rifiuta mai! Passate le feste però, quando si fa il punto della situazione e ci si trova la casa sommersa da stelle di tutte le dimensioni ci si chiede: come faccio a far preservare questi regali il più a lungo possibile?

Qui c’è la risposta: di seguito troverete una semplice guida su come farla durare più a lungo!

 

La stella di natale è una pianta di origine tropicale tipica del periodo invernale; la sua bellezza non è dovuta dai fiori, come si potrebbe pensare, che sono piccole infiorescenze gialle, ma dalle foglie colorate che li circondano, chiamate brattee.

Preferisce ambienti caldi (14 – 22°C), non sopporta freddo, gelo né correnti d’aria, va posta in posizione luminosa per mantenere il suo bel colore a lungo ma lontano da fonti di calore quali stufe, caminetti, termosifoni ecc.. d’estate è meglio posizionarla all’esterno all’ombra.

A febbraio, finita la fioritura, i rami spogli si tagliano a circa 15 cm e la pianta manifesta la necessità di riposo, quindi si riducono le annaffiature e si sospende la concimazione; con l’arrivo della primavera si procede al rinvaso con terriccio universale annaffiando regolarmente; in estate si posiziona all’esterno in posto ombreggiato e si ricomincia con la concimazione;

In ottobre la si riporta in casa in un locale fresco (ma non meno di 15° C) e molto luminoso; per ottenere l’intensa colorazione delle brattee è necessario esporre la pianta ad un periodo di luce e buio ben definito così suddiviso: 14 ore di buio consecutive e 10 ore di luce per tutti i mesi di ottobre e novembre.

Annaffiatura: durante il periodo di fioritura andrà annaffiata ogni 2/3 giorni senza mai lasciar asciugare troppo la terra (sempre senza ristagno d’acqua).

Concimazione: durante il periodo di fioritura ogni 15 giorni, durante il riposo vegetale la concimazione andrà sospesa.

Se avete altre domande o curiosità contattateci o venite a trovarci!

 

 

 

Seguici su:

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Your name

Message